CONCORSO  ICELAND CAVE TOWER  

16/12/2020

SÖK nasce per essere un landmark, un qualcosa che funga da ponte tra uomo e natura, un luogo che aiuti l’essere umano a scoprire luoghi nascosti. Un rifugio che oltre ad essere rifugio permetta all’utente di apprezzare ogni minimo dettaglio da ogni grado che la natura possa offrirci.

E nostro principale obbiettivo era di permetterlo a tutti.

Quindi partendo da azioni che caratterizzano la zona tutta, come geyser ,eruzioni e soffioni, è stata concepita una morbida spirale che andrà a chiudersi come un foglio, ma che in realtà aleggerà, senza chiudersi mai.

 Al suo interno vi è una rampa che alla fine della sua percorrenza farà un dono ai visitatori. Un’immagine a 360 gradi che rimarrà in modo indelebile all’interno di chi la vedrà. 

Al pian terreno si trova uno stepping point, dove i visitatori potranno trovare tutto ciò di cui hanno bisogno, un bar, una zona lounge e anche un negozio dove acquistare il merch riguardante il luogo stesso. Accoglierà inoltre anche una reception , un ufficio per la logistica e i vari servizi igienici.

La strada di accesso all’area di progetto si concluderà con il bivio che porrà il dubbio sul visitare prima la torre o i percorsi caratterizzati da ramificazioni ricordanti un quadro di malevich.

Questi andranno ad inquadrare alle volte l’orizzonte statunitense altre quello islandese, dove andando a giocare con le quote delle passerelle, il visitatore verrà invogliato a salire sempre più su, alimentando la voglia di salire in cima o viceversa avendo visto prima la torre, il visitatore andrà ad apprezzare da più vicino le cose notate dall’alto.

ICT .jpg
Sezione con terreno e alberi  10.35.26.j

Per quanto riguarda la distribuzione degli spazi, al piano terra troviamo il centro informazioni, un ufficio per il personale, uno spazio di ristoro, con le sue relative sistemazioni per i fruitori, una lounge di riposo per i visitatori dell’aria ed i servizi igienici, il tutto disposto in modo circolare attorno al locale ascensore che rappresenta il perno su cui ruotano tutti gli ambienti . 

Al primo livello invece, è presente una prima terrazza panoramica, che garantisce ai visitatori di potersi vivere un primo spazio esterno, dotato di diverse sedute, prima di arrivare sulla principale terrazza panoramica.

Per quanto riguarda lo spazio distributivo, il primo di questi è disposto al pianoterra attorno al vano ascensore, garantendo un primo accesso al livello superiore, mentre la principale distribuzione si basa su una rampa continua che ruotando attorno agli ambienti centrali , permette un collegamento di tutti i livelli fino ad arrivare alla terrazza principale ad in altezza di 40 metri, permettendo ai visitatori un continuo affaccio panoramico verso l’esterno .

Le pedane disposte all’interno dell’aria, sono realizzate in acciaio e legno, la cui struttura portante consiste in due travi ipe su cui si poggia un tavolato in legno.

Per preservare il territorio, si è scelto di impiegare dei sostegni di appoggio centrali che permettono, disposti puntualmente ad una distanza di 5 metri l’uno dall’altro, di contaminare , nel minor modo possibile l’orografia attuale, mantenendo al contempo una permeabilità visiva del terreno. 

I parapetti sono stati realizzati attraverso la disposizione di montanti in acciaio, intervallati da tre tiranti, che manifestano l’intento di mantenere una libertà visiva, sia per i fruitori del percorso sia dall’esterno, permettendo una visibilità completa di tutto il paesaggio.

Localizzazione

Grjotagja, Islanda

Anno

2020

Cliente

Bee Breeders

Progetto

Iceland Cave Tower - Progetto di una torre panoramica nei pressi di Grjotagja in Islanda

Team

Ranieri Luchetti - Gianmarco Vittorelli - Riccardo Rossi - Gianluca Gabrielli - Federico Cosolazione - Manuel Di Pasquale